caso Consip, falsificazione prove consip, Matteo Renzi consip, renzi accusa travaglio, renzi consip padre

Matteo Renzi non crede ad un’Europa divisa, per affrontare lo spinoso tema dei migranti serve l’unità. Presente all’ennesimo vertice a Bruxelles, il premier avvisa tutti: “Questo è il momento della responsabilità. Nessuno da solo può salvare l’Europa”.

“È il terzo vertice in questo mese, l’agenda è la stessa degli ultimi due: immigrazione, crescita economica e prospettive future – ha proseguito Renzi – Abbiamo tante aspettative, ma sappiamo che ultimamente l’Europa ha dimostrato limiti, problemi e contraddizioni all’interno su questi progetti”.

Per Matteo Renzi: “non è facile condividere le stesse idee e gli stessi documenti con tutti gli altri colleghi”. “Dobbiamo creare un buon clima e atmosfera tra i governi per poter tornare a essere efficienti“, ha poi aggiunto.

“Le discussioni saranno difficili, ma abbiamo una base”. Anche la cancelliera tedesca Angela Merkel prova ad appellarsi allo spirito comunitario: “Sono cautamente ottimista sulla possibilità di trovare una posizione comune. Dovremo arrivare a una soluzione comune prima di tutto tra i Paesi Ue”.

David Cameron, il primo ministro inglese, lancia dal canto suo un allarme: “Nelle prossime settimane ripartirà il flusso di migranti nel Mediterraneo verso l’Europa, in particolare dalla Libia”. Cameron si è detto pronto ad offrire la collaborazione di Londra per aiutare il nuovo governo del Paese nord-africano.

Infine c’è la posizione più dura dei Paesi del gruppo Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria) che chiedono una soluzione Ue: “Per limitare l’immigrazione illegale dal corridoio balcanico, come ha già stabilito il Consiglio europeo”.