augusto barbera, consulta, danilo toninelli, David Ermini, elezione giudici consulta, Francesco Paolo Sisto, franco modugno, fumata nera consulta, giovanni pitruzzella, Giudici della Consulta, luigi zanda

La politica sembra essere una buona fonte di guadagno in Italia e la conferma iene dai dati pubblicati, sul sito del Parlamento italiano, sui redditi dei parlamentari e dei ministri.

Dominano la classifica dei parlamentari più ricchi  Antonio Angelucci, deputato di Fi, con il suo reddito imponibile di 3.954.097 euro e Giulio Tremonti, senatore di Gal, con 3.937.517 euro. Segue il presidente del Senato Pietro Grasso con un imponibile sopra i 300 mila euro e la nutrita pattuglia dei senatori e deputati sopra i 200 mila euro.

I ministri del governo dichiarano tutti meno di 130 mila euro e il premier Matteo Renzi supera di poco i 100 mila. Fanalino di coda è la deputata di Alternativa Libera Possibile Beatrice Brignone ferma a soli 13.121 euro.

Sul fronte Governo si attesta al settimo posto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, con 107.960 euro rispetto al reddito imponibile 2014 di 98.961 euro. All’ultimo posto Maria Elena Boschi con 96.568 euro. Inviariabile il reddito patrimoniale: resta titolare di 1.557 azioni di Banca Etruria per un valore complessivo di 1.100 euro.

Tra i senatori a vita l’ex premier Mario Monti triplica il reddito dello scorso anno e arriva a 694.513 euro. Lo insegue l’ex capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi con 687.042 euro, mentre Giorgio Napolitano dichiara 260.821 euro.