Nella terza puntata di “Non è stato mio figlio”, Andrea Gerarli è stato rinchiuso in carcere perché ritenuto responsabile dell’omicidio di Ornella. In prigione c’è anche Amedeo Strada, il boss che il padre di Barbara, Pietro, crede essere implicato nella morte della figlia. Pietro lo pensa perché 15 anni prima gli aveva rubato un’ingente somma di denaro e si mette d’accordo con la moglie di Strada per incastrarlo.

Nel frattempo, Carlos e le sue complici continuano ad agire nell’ombra. Hanno rinchiuso Lily, la ragazza inglese amica di Barbara, nella cantina della loro casa nel bosco, dove si trova anche il bambino di Barbara. Intanto, Gina, venuta a conoscenza della morte della sua compagna Ornella, è appena tornata in città.