Nella notte tra sabato 26 e domenica 27 marzo è tornata l’ora legale. Alle due del mattino di domenica è scattato lo spostamento delle lancette degli orologi, che, per chi non l’avesse ancora fatto, devono essere regolate un’ora avanti: di conseguenza si è dormito un’ora di meno.

Un’ora di luce in più che comporta notevoli risparmi energetici ma qualche problema per quanto riguarda il benessere. Lo spostamento di un’ora comporterà qualche giorno di adattamento al nuovo “fuso orario”, con il classico effetto “jet leg” che per i primi tempi potrebbe creare qualche problema con il rapporto sonno-veglia.

Non solo stanchezza e irritabilità, però perché l’ora legale potrebbe avere effetti negativi anche sulla postura e aggravare i sintomi del mal di schiena. Qualche giorno di pazienza insomma, poi tutto torna alla solita routine.