arresti doping pescara, arresti Montesilvano doping, doping montesilvano, doping Pescara, misure cautelari doping pescara

Fidatevi, il titolo non è errato. Davide Vasta, terza linea dell’Amatori Catania rugby squadra di Serie B è stato fermato dal Tribunale Nazionale Antidoping per positività a 11 sostanze dopanti diverse.

Il controllo mirato fuori-gara della Nado Italia, effettuato il 5 marzo, ha rivelato la presenza nel campione delle seguenti sostanze: testosterone, boldenone metabolita, drostanolone, mesterolone, metandienone, metasterone, metildienolone, stenbolone metabolita, clomifene metabolita, 19-Noretiocolanolone e 19-Norandrosterone.

Sospeso (in occasione dello stesso controllo) anche il compagno di squadra, Davide Scuderi, risultato positivo al metenolone, al noretiocolanolone e al norandrosterone.

Aspetto surreale della vicenda: secondo le indiscrezioni, il cocktail di farmaci assunto avrebbe provocato anche l’effetto visibile di far crescere il seno e dunque uno dei farmaci sarebbe stato preso proprio per prevenire tale conseguenza.

L’Amatori Catania Rugby si dichiara “totalmente estranea ai fatti e condanna fermamente l’utilizzo di qualsiasi sostanza proibita dai regolamenti vigenti ed è dispiaciuta della condotta afferente esclusivamente alla sfera personale dei nostri due tesserati e dunque del tutto estranea al controllo della società. L’Amatori Catania Rugby però rimarrà al fianco dei suoi tesserati, confermando il principio di unione, famiglia e salvaguardia dei suoi ragazzi, nonostante l’errore commesso, in un momento di assoluta difficoltà”.

Il giocatore ha poi rilasciato all’Ansa la sua versione dei fatti: “Ho assunto più di un anno fa, quando ho smesso per alcuni mesi di giocare a rugby, delle sostanze per ignoranza, non sapevo che sarebbero rimaste per così tanto tempo nel corpo”. Una tesi che risulta ardua da credere…