aumenti prezzi carrello spesa, carrello della spesa, dati Inflazione, dati inflazione istat, indice prezzi al consumo, istat, prezzi al consumo, prezzi al consumo istat

Segnali contrastanti dalle rilevazioni Istat sul piano della fiducia nell’economia: l’indice dei consumatori rimane sostanzialmente stabile (+o,5: da 114,5 a 115 punti), mentre cala di tre punti l’indice di fiducia delle imprese (da 103,2 a 100,1 punti). I dati fanno riferimento alla prima metà di Marzo 2016.

Gli indici sommano una serie di componenti specifiche: sul fronte consumatori crescono le componenti economica, corrente e futura (rispettivamente, a 142,9 da 141,8, a 111,1 da 110,7 e a 120,6 da 120,4); cala invece l’indicatore legato alla componente personale (da 105,8 a 105,7 punti).

Migliorano inoltre giudizi e aspettative sulla situazione economica del Paese, ma peggiorano giudizi e aspettative future sul fronte prezzi. Stabile a 12 punti l’indice di aspettativa sul fenomeno disoccupazione.

Sul fronte imprese, gli indici variano da settore a settore: il clima di fiducia è cresciuto leggermente nel settore manifatturiero, ma si è registrato un calo netto nei servizi (a 103,2 da 106,5), nelle costruzioni (a 118,4 da 119,3) e nel commercio al dettaglio (a 104,9 da 106,8). Restano stabili le attese sull’occupazione (a -7).