Rio 2016, nuoto: Paltrinieri medaglia d’oro!| Trionfo azzurro nei 1500 stile libero, bronzo Detti

di Andrea Zito

» Olimpiadi Rio 2016 » Rio 2016, nuoto: Paltrinieri medaglia d’oro!| Trionfo azzurro nei 1500 stile libero, bronzo Detti

Rio 2016, nuoto: Paltrinieri medaglia d’oro!| Trionfo azzurro nei 1500 stile libero, bronzo Detti

| domenica 14 Agosto 2016 - 03:27
Rio 2016, nuoto: Paltrinieri medaglia d’oro!| Trionfo azzurro nei 1500 stile libero, bronzo Detti

Gregorio Paltrinieri è la medaglia d’oro dei 1500 stile libero uomini. Il carpigiano riscrive la storia del nuoto e dello sport italiano con un trionfo storico, 14’34″57 il tempo, con Paltrinieri a lungo sotto il tempo del record del mondo di Sun Yang. Per la prima volta in questi giochi risuona l’inno di Mameli nello stadio del nuoto a Rio.

Bronzo per uno splendido Gabriele Detti (che bissa il bronzo dei 400). Argento per Conor Jaeger (Stati Uniti).

Fin da subito c’era attesa per capire il passo di gara, quello degli azzurri e degli avversari (Jaeger e Horton su tutti): Paltrinieri parte subito in testa nei primi 200 (nettamente il più veloce: 29 basso a vasca), inseguito da Horton, Jaeger, Wilimovsky e Detti. Una forzatura? Assolutamente no: Paltrinieri mette ben presto fine a qualsiasi discorso sulla contesa della medaglia d’oro e prepara l’assalto al record del mondo.

A metà gara, Paltrinieri ferma il cronometro a 7’15″58, mezzo secondo sotto il record del mondo, gli avversari non possono far nulla per seguirlo.

Ai 1000 metri il vantaggio è di oltre 4 secondi (1 secondo sotto il record): Jaeger prova a rientrare, ma Paltrinieri accelera di nuovo e prepara il margine per l’assalto al record (per gran parte ottenuto da Sun Yang negli ultimi 100 – 53 secondi). Alle sue spalle Detti attende il momento propizio per piazzare l’attacco su Wilimovsky e si prende il bronzo.

Nell’ultima vasca il record del mondo svanisce, ma non importa: le stelle di Paltrinieri e Detti risplendono nella notte italiana; la loro luce risplende d’oro e di bronzo.

A fine gara Paltrinieri sembra incredulo: “Se l’aspettavano tutti ma non era scontato; ad un certo punto ho sentito una botta assurda ed ora è indescrivibile la gioia che provo. Io valgo il record del mondo, ne sono certo: un giorno lo otterrò. Non capisco nulla in questo momento”. Poi l’abbraccio con Gianmarco Tamberi presente a bordo vasca per salutare il campione del nuoto, la nuova stella dello sport italiano.

Una curiosità: a premiare gli azzurri Paolo Barelli e Franco Carraro; non si può negare che la scelta non sia stata azzeccata.

(IMMAGINI RAI)

—-

Prima della finale dei 1500 stile libero uomini c’è stato il tempo della finale dei 50 stile libero donne (l’ultima individuale al femminile): a vincere è stata la danese Blume, argento per Simone Manuel (già oro nei 100 stile libero), bronzo alla Bielorussia con Herasimenia. Delusione per la Halsall e le sorelle australiane Campbell.

Dopo la finale dei 1500, tocca alle staffette miste: nella femminile l’Italia ci prova ma deve accontentarsi dell’ultimo posto (dopo una penalizzante prima frazione a dorso di Zofkova), in quella che forse è l’ultima gara olimpica di Federica Pellegrini. Oro agli Stati Uniti, argento per Australia, bronzo alla Danimarca.

E poi c’è ancora Phelps, che con gli Stati uniti vince l’oro numero 23 con la staffetta maschile mista (record olimpico di 3’27″95). Argento Gran Bretagna, bronzo Australia.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820