Aggiornato alle: 19:07

Macedonia – Italia, le pagelle. Si salvano solo Immobile e Parolo, il migliore è Nestorovski

di Guido Monastra

» Sport » Macedonia – Italia, le pagelle. Si salvano solo Immobile e Parolo, il migliore è Nestorovski

Macedonia – Italia, le pagelle. Si salvano solo Immobile e Parolo, il migliore è Nestorovski

| domenica 09 Ottobre 2016 - 22:37
Macedonia – Italia, le pagelle. Si salvano solo Immobile e Parolo, il migliore è Nestorovski

Ecco le pagelle di Macedonia – Italia (clicca qui per leggere la cronaca), match valido per la terza giornata del Gruppo G di qualificazione ai Mondiali di Russia 2018.

ITALIA 4,5: Il voto è in gran parte appannaggio di Ventura che sbaglia la formazione e impiega un’ora (e due gol al passivo) per correggere il tiro. Si è rischiata una figuraccia storica ma la vittoria fortunosa, raggiunta nel finale, non cancella una prestazione a tratti irritante.

Buffon 5: Prima è bravo su un’uscita bassa poi è la traversa, che ancora trema, a salvarlo sulla grande conclusione di Nestorovski. Sembra che la dea bendata voglia risarcirlo per la papera di giovedì scorso ma nella ripresa arrivano i guai: prima un’uscita sbagliata, poi i gol di Nestorovski e Hasani (sui quali però non ha particolari responsabilità), poi un’altra parata incerta e finalmente un mezzo miracolo che gli ridà fiducia e che soprattutto tiene l’Italia in piedi.

Barzagli 4,5: La colpa principale è del centrocampo che non filtra ma nemmeno lui e compagni danno l’impressione di essere in giornata. Per mezz’ora annaspa come un principiante.

Bonucci 4,5: Quando sbagliava Chiellini lui metteva una pezza. Stavolta non c’è Chiellini e Bonucci lo rimpiange. Nestorovski, Pandev e soci sembrano il tridente del Barcellona, il conto non torna.

Romagnoli 4,5: Non è lui che deve guidare la difesa ma resta coinvolto nell’imbarcata generale e non ha il… salvagente quando la barca affonda.

Candreva 5,5: La fascia destra è indiscutibilmente sua ma ha meno verve di altre volte. Riceve palla e mette in mezzo molti palloni ma non sembra ispirato, non incide. Va meglio dopo i cambi di Ventura, quando lui si accentra

Bernardeschi 4,5: Parte con una certa vivacità ma dopo venti minuti si dimentica che il campo è lungo cento metri e lui presidia solo gli ultimi venti. E il centrocampo soffre le ripartenze macedoni. Inadeguato alla lettura tattica della gara.

(dal 19′ s.t. Sansone 6): Entra motivato, nel momento migliore dell’Italia. Nulla di decisivo ma una onesta partita sulla fascia sinistra.

Verratti 4,5: Anche lui soffre per un centrocampo che non ha equilibrio. Lui fa il play alla Pirlo, detta i tempi del gioco ma non riesce a trovare le misure con i compagni di squadra: lui troppo indietro, gli altri troppo avanti. Poi commette anche l’erroraccio che manda Nestorosvski in gol.

Bonaventura 5: In fase offensiva è l’uomo in più, nel senso che punta spesso la porta e cerca sempre di mettere la squadra in superiorità numerica. Ma anche per lui vale il discorso fatto per Bernardeschi: se non copre nessuno si rischia l’infilata. E difatti quando lui esce la Macedonia è già in vantaggio.

(dal 19′ s.t. Parolo 7): Entra in campo con la schiuma alla bocca, il suo ingresso restituisce equilibrio alla squadra e difatti le cose cambiano in fretta. Addirittura sfiora di testa il gol del 3 a 2, poi – sempre di testa – il gol (regolare) lo segna ma viene annullato per presunto fuorigioco.

De Sciglio 5: Partita modesta, sia quando gioca a sinistra che quando cambia fascia. Deciso passo indietro rispetto al recente passato.

Belotti 6,5: Prima partita da titolare festeggiata con il gol che sblocca la partita. Il “Gallo” è decisamente ispirato, in un momento felice sottoporta, trasforma da grande attaccante un assist da sinistra. Non fa molto altro ma palloni giocabili ne arrivano con il contagocce.

(dal 38′ s.t. Eder s.v.)

Immobile 7: Doppietta decisiva. Segna il gol del 2 a 2 sfruttando l’istinto dell’attaccante e nell’ultima mezz’ora fa il diavolo a quattro per cercare di essere l’uomo partita. La sua volontà viene premiata proprio allo scadere con un gol di testa. Eroe di giornata.

MACEDONIA (5-3-2): Bogatinov 6,5; Zhuta 6 (dal 1′ s.t. Ibraimi 6,5), Mojsov 6, Sikov 6,5, Ristevski 6,5; Ristovski 6,5, Spirovski 6, Hasani 6 (dal 38′ s.t. Trajcevski s.v.), Alioski 6,5; Pandev 7,5, Nestorovski 8,5 (dal 22′ s.t. Petrovikj s.v.). 

 

(Foto da Twitter: @Vivo_Azzurro)

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it