Alhaabi lavorava per un'azienda agricola

Terrorismo, espulso dall’Italia un tunisino
Era sulle tracce degli agenti che uccisero Amri

di . Categoria: Cronaca

Amri Soufiane, arresti cellula salafita, arresto Nkanga Lutumba, arresto terrorismo Brindisi, Brindisi terrorismo, cellula salafita italia, espulso Amri Soufiane, espulso marocchino Brindisi

Un tunisino di 37 anni, Hisham Alhaabi, è stato espulso domenica perchè sarebbe stato sulle tracce dei due poliziotti che hanno ucciso, rispondendo al fuoco, l’attentatore di Berlino, Anis Amri.

Il tunisino espulso e Amri avevano avuto frequenti contatti. A rivelarlo è ‘Il Messaggero’. L’uomo avrebbe intrapreso una costante ricerca di Luca Scatà e Cristian Movio, soprattutto tramite internet.

Dalle indagini è emerso che Alhaabi lavorava per un’azienda agricola e viveva in un fabbricato campagna a Borgo Podgora, di proprietà di della compagna di Yacoubi Monstar, altro presunto membro della cellula a cui apparteneva Amri e che nel 2015 e nel 2016 lo aveva più volte ospitato.

Negli stessi momenti in cui è stato espulso, il procuratore di Roma Francesco Scavo, titolare dell’inchiesta sui presunti collegamenti in Italia di Amri, ha dato mandato di perquisire le abitazioni di alcune delle persone risultate in contatto con l’attentatore di Berlino.

14 marzo 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO







LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news