Ferrari qualifiche Melbourne, Hamilton pole Melbourne, qualifiche GP Australia, qualifiche gp Melbourne, qualifiche Melbourne, Vettel secondo Australia

Lewis Hamilton riprende da dove aveva lasciato strappando con la forza la prima pole stagione sul circuito di Melbourne, in Australia. Confermata quindi la superiorità della Mercedes, ma il Cavallino ha lanciato un segnale forte, significativo, conquistando il secondo posto con Seba Vettel e il quarto posto con Kimi Raikkonen dietro a Valtteri Bottas.

Quinta piazza per la Red Bull di Max Verstappen, male invece Daniel Ricciardo che in Q3 è andato a sbattere e dovrà partire decimo. Bene Romain Grosjean con la Haas che partirà sesto davanti alla Williams di Massa. L’esordiente Lance Stroll è stato eliminato in Q1. Solo ottavo e nono tempo per le Toro Rosso di Sainz e Kvyat.

Ma la lieta nota “tricolore” della giornata, a parte il buon piazzamento del Cavallino, ce la regala il 23ennne Antonio Giovinazzi, di Martina Franca. L’italiano schierato dalla Sauber al posto di Pascal Wehrlein, che non ha ancora recuperato dal suo infortunio, ha subito sfiorato l’impresa grazie ad un’ottima Q1 persa di un soffio per mano del compagno di squadra Marcus Ericsson.

Ma l’esordio è quello giusto se è vero che Giovinazzi è riuscito a far meglio di gente come Magnussen, Vandoorne, l’esordiente della Williams Lance Stroll e Jolyon Palmer. Infine una pillola statistica “al vertice”: con quella di oggi, le pole conquistate in carriera da Lewis Hamilton salgono a 62, solo tre in meno rispetto a quelle di un certo Ayrton Senna. Niente male.

Foto da Twitter.