cadavere deposito ferroviario, cadavere ex deposito ferroviario, cadavere milano, cadavere uomo scomparso, Milano

Sarebbe stato il figlio 16enne ad uccidere Enrico Boggian, di 52 anni, trovato senza vita venerdì pomeriggio a Selvazzano (Padova). Il ragazzo è stato interrogato per ore e ore dai carabinieri e oggi è stato arrestato con l’accusa di omicidio.

La vittima è un imprenditore socio della Leasing service di Noventa Padovana. Boggian è stato trovato sul divano di casa (Via Monte Santo 13/A), seduto e senza scarpe. Il colpo è partito da un fucile, appartenente al nonno paterno del ragazzo: gli inquirenti indagano la possibilità che si sia trattato di un tragico incidente, proprio nel maneggiare il fucile.

Il racconto fornito dal ragazzo aveva sin da subito lasciato perplessi gli inquirenti, vista l’assenza di segni di effrazione e colluttazione e la tavola da pranzo perfettamente apparecchiata. Il figlio della vittima ha infatti raccontato di essere tornato in casa e aver trovato il padre morto in compagnia di una vicina di casa (che gli ha aperto il cancello esterno), per poi lamentate un mancamento poco dopo.

I due stavano aspettando il rientro da lavoro della madre e dell’altra figlia da scuola. Secondo il giovane, sarebbe stato il padre a sollecitarlo perché prendesse la bicicletta e andasse a farsi un giro nell’attesa. I carabinieri hanno raccolti tutte le generalità e i numeri telefonici del sospettato. Esclusa l’ipotesi di una rapina, visto il rinvenimento din un orologio (del valore di 8 mila euro) lasciato sul tavolo.