raul addio al calcio, raul lascia il calcio, ultima partita di raul

Le leggende sono per sempre e chi scrive pagine indelebili in una società di calcio non può certo essere dimenticato. È il caso del simbolo del Real Madrid, Raul Gonzalez Blanco, capitano dell’invincibile Real.

A distanza di 7 anni dal suo addio, il leggendario attaccante spagnolo che è stato protagonista sia quando il Real non vinceva che quando saliva sul tetto d’Europa, dal prossimo 1 luglio sarà il nuovo assistente del presidente Florentino Perez.

Secondo quanto ha rivelato Radio Onda Cero, Raul arriverà a Madrid già la settimana prossima per concludere l’accordo direttamente con Perez. Con la maglia del Real, l’attaccante ha vinto 6 campionati spagnoli e 3 volte la Champions League.

Raul è ancora oggi è il giocatore con più presenze nella storia dei merengues (741) ed è il secondo miglior marcatore di tutti i tempi del club con 323 gol. Davanti a lui, soltanto Cristiano Ronaldo, altra leggenda del Real che, potremmo dire, ha preso il suo numero di maglia e il posto da leader ma non certo quello nel cuore dei blancos.

Dopo sette anni, trascorsi tra lo Schalke 04 in Germania, l’Al Sadd in Qatar e i Cosmos negli Usa, torna a casa, seguendo un altro campione: Zinedine Zidane. Il francese, infatti, ha cominciato la sua carriera post calciatore come consigliere di Perez nel 2009, poi è stato direttore sportivo e nel 2013 vice allenatore. Nel 2014 divenne primo allenatore conquistando Champions League, Supercoppa europea e Mondiale per club.