Palermo

Firme false nel M5S, chiesti 14 rinvii a giudizio
Tra gli indagati i deputati Nuti, Di Vita e Mannino

di . Categoria: Cronaca, Politica, Sicilia

ardizzone, ars, cancelleri, francesco cappello, Giancarlo Cancelleri, giovanni ardizzone, m5s, m5s sicilia, manovrina, riccardo nuti, salva stipendi, Scontro sul vitalizio ai deputati Ars condannati, vitalizi, vitalizi parlamentari, vitalizi sicilia

Quattordici rinvii a giudizio: è quanto chiesto dalla procura di Palermo per altrettanti indagati, compresi tre deputati nazionali, due regionali e un cancelliere del tribunale nell’ambito dell’indagine sulle firme false depositate dal Movimento Cinque Stelle a sostegno delle liste per le amministrative del 2012 nel capoluogo siciliano.

I reati contestati, a vario titolo, dal procuratore aggiunto Dino Petralia e dal sostituto Claudia Ferrari, sono il falso e la violazione di una legge regionale del 1960 che recepisce il Testo unico nazionale in materia elettorale.

Tra gli indagati il deputato nazionale Riccardo Nuti, che nel 2012 era candidato sindaco, e le parlamentari Giulia Di Vita e Claudia Mannino.

Nuti e un gruppo ristretto di attivisti come Di Vita, Mannino e Samanta Busalacchi, secondo la Procura, dopo essersi accorti che per un errore di compilazione le firme raccolte erano inutilizzabili, mettendo quindi a rischio la presentazione della lista, avrebbero deciso di ricopiare le sottoscrizioni ricevute, correggendo il vizio di forma.

I pm contestano a undici indagati la falsificazione materiale delle firme. A Nuti si imputa, invece, l’avere fatto uso delle sottoscrizioni ricopiate. Era lui, infatti, il candidato a sindaco dei pentastellati nel 2012.

Il falso materiale riguarda Busalacchi, Di Vita, Mannino, e gli attivisti Alice Pantaleone, Stefano Paradiso, Riccardo Ricciardi, Pietro Salvino, Tony Ferrara, Giuseppe Ippolito e i deputati regionali Giorgio Ciaccio e Claudia La Rocca.

13 aprile 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO







LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news