accordo alitalia, Alitalia, confronto alitalia, lavoratori alitalia contro referendum, raccolta firme alitalia, trattative alitalia

“Solo ora le persone si rendono conto dell’errore che hanno commesso. La riapertura del tavolo, sarebbe importante per tutti: adesso andiamo a casa tutti e ci andiamo tutti male”. Con queste parole una dipendente Alitalia ha commentato il contro – referendum promosso da alcuni colleghi desiderosi di riaprire un tavolo di trattative col governo.

Ecco quindi che la lettera fatta girare tra i lavoratori per la raccolta delle firme al fine di riaprire il confronto con l’azienda, assume un’importanza cruciale. Secondo quanto riportato dal quotidiano “Il Messaggero”, infatti, a rispondere all’appello sarebbero stati quasi in mille, tra cui diversi piloti.

E sempre secondo alcune fonti, sarebbero partite centinaia di lettere da parte di singoli lavoratori “per diffidare i sindacati ad agire e trattare per conto dei suddetti dipendenti”.

Intanto si guarda a martedì, quando l’assemblea dei soci deciderà se procedere con la richiesta di accedere all’amministrazione straordinaria. Il governo è pronto a concederla subito, dallo Stato è in arrivo anche un prestito ponte.