Elena Farina ha ottenuto, al momento, ciò che voleva. L’ex marito, Luigi Garofalo, di 46 anni resta in carcere. L’uomo è accusato di atti persecutori contro l’ex compagna.

A deciderlo, il giudice dopo l’udienza di convalida del fermo svoltasi nel carcere di Torino. “Avevo paura che uscisse e venisse a cercarmi”, le prime dichiarazioni della Farina, dopo la decisione.

Nei giorni scorsi la donna, in una serie di dichiarazioni agli organi di informazione, aveva chiesto che l’uomo fosse trattenuto in cella.

Il legale dell’uomo, l’avvocato Fabrizio Bonfante, non ci sta e ha dichiarato ci fare “appello al Tribunale per le libertà. Quando il mio cliente è uscito dalla prigione, mercoledì scorso, qualcuno ha avvisato l’ex moglie, che si è subito diretta al bar di Barriera di Milano. Se sei perseguitata da una persona cerchi di evitarla – ha proseguito -, non il contrario. E poi l’unica testimone presente alla presunta aggressione di mercoledì dice che non ci sono state minacce”.