Nestorovski Palermo

Fiorentina imbarazzante. Se questa era l’ultima occasione per riprendere Milan e Inter, la Fiorentina se l’è giocata di brutto, perdendo a Palermo dove tutti finora hanno conquistato punti preziosi. Il Palermo vince proprio nel giorno in cui pensava di “celebrare” la retrocessione matematica e si guadagna un’altra settimana di agonia.

PALERMO: Fulignati 6; Cionek 6,5, Goldaniga 6,5, Andelkovic 6,5; Rispoli 7, Jajalo 6, Gazzi 6, Chochev 6, Aleesami 7; Diamanti 7; Nestorovski 5,5 (dal 36′ s.t. Sallai s.v.)

I MIGLIORI DEL PALERMO

Diamanti: La punizione dell’1 a 0 è un gioiello e testimonia le sue qualità tecniche. Però è il primo gol stagionale e il fatto che arrivi nel giorno della retrocessione è un rimpianto in più per i tifosi e non assolve il fantasista dal giudizio negativo che riguarda l’intera stagione. Sfiora anche un gol da fantascienza con un tiro da 70 metri che esce di poco

Rispoli: E’ unanimemente indicato come uno dei pochi che si è salvato in questa stagione, almeno sul piano dell’impegno. E anche stavolta si guadagna la pagnotta, con una spinta costante sulla fascia che talvolta meriterebbe migliore fortuna.

Aleesami: Anche per lui primo gol stagionale davanti al proprio pubblico. Coronamento di una gara che è stata ottima in fase di contenimento e buona in fase di spinta.

I PEGGIORI DEL PALERMO

Nestorovski: Per mesi ha tirato la carretta, adesso ha smarrito la verve. Commette un fallaccio che gli costa l’ammonizione e la conseguente squalifica (la prima della stagione). Non inquadra la porta nella ripresa in una occasione favorevole. Come se avesse (comprensibilmente) mollato. Ma stramerita gli applausi quando è costretto a uscire dal campo in barella.

———

FIORENTINA: Tatarusanu 5,5; Salcedo 5 (dal 12′ s.t. Saponara 4), Sanchez 5, Astori 4; Tello 4,5, Vecino 4,5, Badelj 5, Milic 4 (dal 37′ p.t. Chiesa 5); Ilicic 6 (dal 25′ s.t. Mlakar s.v.), Borja Valero 4,5; Babacar 4,5.

I MIGLIORI DELLA FIORENTINA

Ilicic: Sembra avere voglia di alimentare nei tifosi rosanero il senso del rimpianto per la sua prematura cessione. Nulla di straordinario ma ci mette voglia (e per la Fiorentina di oggi è già un lusso) e si segnala per un paio di iniziative pericolose. Applausi del suo ex pubblico all’uscita dal campo.

I PEGGIORI DELLA FIORENTINA

Milic: La sostituzione dopo poco più di mezz’ora è la fotografia più fedele e sintetica della sua partita

Saponara: Ah, già: c’eravamo dimenticati perchè un talento come lui aveva collezionato tanta panchina. L’apparizione (come un fantasma) di Palermo ci ha ricordato perchè.

Astori: Partita in costante difficoltà e l’espulsione nel finale è la ciliegina