Beppe Grillo, Grillo ius soli, Grillo cittadinanza, Grillo pastrocchio, Grillo legge Ius soli, Grillo, Gentiloni, Gentiloni ius soli, Gentiloni ius soli

Il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, conferma la posizione del proprio partito e annuncia la scelta di sostenere il modello tedesco per la prossima legge elettorale, così come votato dagli iscritti: “I portavoce del MoVimento 5 Stelle devono rispettare questo mandato”

Grillo ha espresso la propria posizione tramite un post sul suo blog ufficiale: “Se gli altri partiti non cambieranno idea sul modello tedesco, i portavoce del MoVimento 5 Stelle in Parlamento voteranno a favore del testo, come deciso dai nostri iscritti (circa il 95% dei voti) che hanno e avranno sempre l’ultima parola su tali questioni. Vogliamo garantire agli italiani che potranno votare al più presto con una legge elettorale costituzionale”.

Il leader del Movimento non risparmia comunque critiche alle altre formazioni politiche: “Non ci interessa garantire la rielezione di questo o quell’altro portavoce. Quello che conta è far rispettare il nostro metodo e garantire al Paese di avere una legge elettorale costituzionale, non il Verdinellum. Il testo depositato in commissione mercoledì sera corrisponde invece, al sistema votato dai nostri iscritti: proporzionale con 5% di sbarramento e divisione tra seggi proporzionali e collegi uninominali con predominanza dei primi per assegnare i seggi.”.

E aggiunge: “Il proporzionale tedesco non è il nostro modello ideale, ma è un sistema costituzionale che può diventare legge solo grazie a noi. Come gli iscritti hanno deciso, stiamo cercando di inserire alcuni correttivi di governabilità che possano evitare il grande inciucio post elettorale. Noi vogliamo qualcosa di più per favorire ulteriormente la governabilità”.

Sul tema ha parlato anche Maria Elena Boschi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio: “Io sono sempre fiduciosa, quindi spero che l’accordo fra i tre principali partiti possa avere ovviamente un esito favorevole. I deputati sono al lavoro e continueranno anche domani, per fare approdare il testo in Aula la prossima settimana”.