Politica, Sicilia 11 giungo elezioni amministrative, data elezioni 2017, data elezioni amministrative 2017, data elezioni genova, data elezioni palermo, elezioni amministrative, elezioni amministrative 2017

Giornata intensa oggi in commissione Affari Costituzionali della Camera. Sono 780 gli emendamenti alla legge elettorale che complessivamente dovranno essere votati, a partire dalle 14.30 (orario che però è stato oggetto di uno slittamento di circa un’ora).

Ai 417 già presentati si sono aggiunti 363 sub-emendamenti all’emendamento del relatore Emanuele Fiano (Pd). Questi numeri sono stati annunciati dal presidente della commissione, Andrea Mazziotti, su Twitter. Ben 127 degli emendamenti riguardano il tema dei collegi uninominali, che inizialmente rischiavano di essere penalizzati dalla serie di norme presentate.

La maggiore convergenza si ha per il momento sulla riduzione dei collegi uninominali, con i sub-emendamenti di M5S e PD concordi su una riduzione alla Camera a da 303 a 232. Ma Alessandro di Battista si mostra cauto: “I colleghi che hanno parlato li capisco bene. Loro non si fidano del Pd e neanche io. Ciononostante si deve andare avanti per trovare una legge che sia legale”.

La proposta in discussione (fortemente proporzionale e sulla quale convergono per ora Pd, M5s, Lega e Fi) prevede anche l’aumento delle circoscrizioni proporzionali e delle relative liste da 27 a 29 e la cancellazione delle candidature plurime fino a 3 diverse liste. Alla proposta potrebbero però essere integrate delle liste bloccate di consistenza numerica variabile, da 6 a anche un solo candidato in lista (al fine di tutelare alcuni “nomi forti” all’interno dei vari partiti).

Il modello tedesco, con l’impronta di Beppe Grillo, sembra tenere, il tutto blindato dal patto con Pd e FI. Ma non sarà certo un pomeriggio soft quello che ci si appresta a vivere visto che un altro nodo che potrebbe avere appoggio da più di un partito, ma non da tutti, è quello del voto disgiunto, previsto tra l’altro dal modello tedesco e che al momento risulta bocciato, così come per le preferenze.

Il testo Fiano piace a parte del centrosinistra italiano. Walter Veltroni, primo segretario del Pd, ricorda la vocazione maggioritaria del partito e sottolinea come il testo Fiano non corrisponda al sistema tedesco. “Con il proporzionale si torna agli anni Ottanta”, dice Veltroni che giudica “un errore gravissimo” la prospettiva di un’intesa Pd-FI.