inchiesta occhionero, inchiesta spionaggio politici, mail politici, Politici spiati, spionaggio occhionero, spionaggio politici

Torna d’attualità la notizia secondo cui il sistema di voto americano abbia visto l’intrusione da parte degli hacker. Stando a nuovi documenti della Nsa, hacker russi avrebbero attaccato almeno uno dei fornitori di software per le elezioni americane prima del voto nelle presidenziali 2016.

I documenti sono stati pubblicati dal sito Intercept e mostrerebbero che l’azione degli hacker è penetrata nel sistema elettorale più di quanto fosse emerso finora. Non emerge tuttavia se l’intervento abbia avuto un effetto sull’esito del voto.

Il rapporto, datato 5 maggio 2017, analizza informazioni di intelligence ottenute dall’agenzia federale di recente e si riferisce al tentativo durato un mese con obiettivo alcuni elementi dell’infrastruttura elettorale degli Stati Uniti. Il dossier non contiene tuttavia le informazioni di intelligence originarie su cui il rapporto si basa, precisa Intercept, che lo ritiene però uno spaccato raro sul materiale a disposizione dell’Nsa circa le presunte interferenze russe.

Ed è arrivata la prima conseguenza della pubblicazione del materiale: il dipartimento di Giustizia Usa ha incriminato un’impiegata 25enne del governo federale, Reality Leigh Winner, con l’accusa di aver passato informazioni classificate alla testata giornalistica online.