operazione denominata 'Balkan'

Traffico di marijuana tra l’Italia e l’Albania
61 indagati, 37 sono albanesi e 24 italiani VIDEO

di . Categoria: Cronaca, Lombardia, Sicilia

Maxi operazione contro il traffico internazionale di stupefacente. La squadra mobile di Ragusa e la guardia di finanza di Como hanno sgominato un traffico di marijuana dall’Albania.

È stato sequestrato un ingente quantitativo di stupefacenti. Nell’inchiesta, denominata ‘Balkan’, sono 61 gli indagati, 37 dei quali albanesi (6 latitanti) e 24 italiani (tutti di origini siciliane, la maggior parte di loro della provincia di Ragusa).

Durante le indagini, iniziate nel 2012, sono stati compiuti diversi blitz in molte città italiane; il più importante a Catania, con il sequestro di 1.000 chili di marijuana.

Nei giorni scorsi sono stati catturati i promotori ed organizzatori, tutti di origine albanese, mentre 6 sono latitanti. Gli arrestati sono: HOXHAJ Fation, nato in Albania il 03.02.1977, HOXHA Mandi alias HOXHAJ Gentian, nato in Albania il 12.03.1980, ZHUKA Erson, nato in Albania 23.04.1984 e KALEMAJ Roland, nato in Albania il 11.08.1976. Gli altri erano già in carcere ed alcuni latitanti nel paese natio, ovvero in Albania. Tutti i soggetti italiani ed albanesi non destinatari della misura cautelare in carcere, sono stati già individuati ed hanno ricevuto la richiesta di rinvio a giudizio per aver fatto parte di un’associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

Alcuni dei destinatari dei provvedimenti della Procura della Repubblica non fanno parte dell’associazione ma si sono occupati delle singole cessioni pertanto risponderanno solo di queste.

L’indagine è durata diversi anni ed ha visto il coinvolgimento di decine di investigatori che sono riusciti a ricostruire tutta la filiera del narcotraffico giungendo fino ai canali di approvvigionamento in Albania, paese dal quale partivano ingenti carichi di marijuana destinati alle ‘piazze’ italiane.

La Polizia di Stato e la Guardia di Finanza per oltre un anno e mezzo hanno lavorato disgiuntamente per poi riunire le indagini nella fase finale, ovvero quando entrambe le forze di Polizia individuavano i fornitori albanesi.

È stato possibile appurare che la droga in enormi quantità giungeva spesso a Catania dove veniva poi suddivisa in parti più piccole, destinando centinaia di chilogrammi alla provincia di Ragusa. In altre occasioni il corriere tentava di arrivare direttamente nel territorio ibleo senza altri passaggi così da guadagnare di più.

In totale sono 61 i soggetti che saranno processati per aver fatto parte dell’organizzazione criminale dedita al traffico di sostanze stupefacenti. 28 albanesi, 15 ragusani (Ragusa, Scicli, Modica, Vittoria e Comiso), 10 di Catania e 8 di altre province.

6 giugno 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO







LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news