Abe contro corea del nord, attacco giappone, corea del nord, missile cielo giappone, missile corea del nord, missile Hokkaido, missile nord corea giappone

“La coalizione non cerca di combattere il regime siriano o le forze filoregime, ma è pronta a difendersi se forze filoregime si rifiutano di lasciare la zona di deconflitto“. Questo il comunicato diffuso dalla coalizione a guida Usa presente in Siria per combattere l’avanzata dell’Isis.

Dopo l’attacco alle forze pro-regime che avevano oltrepassato la zona di demarcazione nei pressi di una base, la coalizione ha spiegato che “nonostante i precedenti avvertimenti, le milizie sono entrate in una zone di de-escalation con artiglieria, tank e veicoli armati e più di 60 uomini che puntavano a minacciare la coalizione e i partner di At Tanf”.

Militari americani e britannici addestrano ad al Tanaf forze siriane locali destinate a battersi contro lo Stato Islamico. Secondo la coalizione, le forze bombardate erano molto avanzate nella “zona di deconflitto” di 55 chilometri intorno ad al Tanaf, dove ogni intrusione è considerata una minaccia.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato informato sull’azione in Siria. Lo ha confermato il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer.