corruzione mafia, gabrielli, gabrielli mafia capitale, mafia capitale, reato mafia, riformulare reato mafia, sentenza mondo di mezzo

Mai più “piazze-trappola”, mai più eventi senza sicurezza. Lo ha promesso il capo della polizia Franco Gabrielli tramite una circolare inviata a prefetti e questori: “Senza lo scrupoloso riscontro delle garanzie di sicurezza necessarie, eventi di piazza e concerti non potranno svolgersi“.

In estate si prevedono oltre 1.700 eventi, impossibile non prendere precauzioni: “Mai ragioni di ordine pubblico potranno consentire lo svolgimento di manifestazioni che non garantiscano adeguate misure di safety“. Il documento poi stabilisce che le manifestazioni pubbliche dovranno conciliare la “safety”, cioè le misure strutturali a salvaguardia dell’incolumità delle persone e la “security”, cioè i servizi di ordine e sicurezza pubblica.

L’obiettivo “è quello di “realizzare omogenee procedure e modelli unitari di intervento per innalzare ulteriormente le condizioni di sicurezza generale”. I piani di emergenza ed evacuazione prevedono monitoraggio degli accessi anche attraverso “sistemi di rilevazione numerica progressiva ai varchi”, presenza di “operatori adeguatamente formati” per “l’accoglienza, l’instradamento, la regolamentazione dei flussi anche in caso di evacuazione” e l’osservazione e assistenza del pubblico” oltre alla possibilità di vietare la vendita di bevande in vetro.

Andrà innanzitutto accertata la capienza del luogo dove si svolge la manifestazione, per la “valutazione del massimo affollamento sostenibile“. Infine, per evitare “sovraffollamenti che possano compromettere le condizioni di sicurezza”, gli organizzatori dovranno “regolare e monitorare” gli accessi fino a quando l’area sarà piena. L’ingresso sarà quindi interdetto dagli agenti.