Si protrarrà fino alle 21 del 16 giugno lo sciopero generale, indetto da vari sindacati autonomi e di base dei settori del trasporto pubblico e privato, nazionale e locale, in quello che è già stato ribattezzato il “venerdì nero” della mobilità in Italia.

La mobilitazione riguarda treni, aerei e mezzi urbani, fermi per tutta la giornata: soltanto Trenitalia (circolazione regolare delle “Frecce”) e Alitalia (altri voli sono stati già cancellati nella mattinata del 17 giugno) hanno attivato dei piani straordinari.

Le motivazioni dello sciopero generale sono la “difesa del diritto di sciopero e contro le privatizzazioni e liberalizzazioni del settore”. Secondo il sindacato generale di base e il Cub Trasporti, la “pratica delle privatizzazioni si è diffusa pericolosamente e progressivamente, producendo dissesto economico, disoccupazione, minori servizi all’utenza, riduzione preoccupante dei livelli di sicurezza, salari, diritti e tutele dei lavoratori in caduta libera”.

In mattinata, il commissario di Alitalia Luigi Gubitosi ha commentato aspramente lo sciopero: “Gli scioperi di venerdì d’estate sono da irresponsabili. Non ho capito bene perché si sciopera, è un regalo alla concorrenza. Oggi si rischia di cancellare 620 voli, Alitalia proverà a cancellarne solo 160: il venerdì nero stiamo cercando di trasformalo in grigio”.

A livello ferroviario, lo sciopero è già partito dalle ore  21 del 15 giugno e si protrarrà fino alle 21 del 16 giugno: ad aderire sono Ntv, Trenord e delle altre aziende ferroviarie, mentre Trenitalia aderisce ad eccezione di Piemonte e Valle d’Aosta e delle “Frecce ” che circoleranno regolarmente. Per i treni regionali garantiti solo i servizi essenziali dalle ore 6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 18.00 alle ore 21.00 ed il collegamento tra Roma e l’aeroporto di Fiumicino.

A livello di comporta aereo e aeroportuale, tutti i lavoratori sono in sciopero per 24 ore, mentre il personale navigante del gruppo Alitalia-Sai lo sarà per quattro ore, dalle 10 alle 14; il personale navigante e di terra delle compagnie aeree operanti in Italia, sciopererà invece per 14 ore dalle 10 alla mezzanotte. Operativi tutti i voli in programma nelle fasce di garanzia: dalle 7 alle 10 e dalle 18 alle 21.

Sul piano del trasporto pubblico e locale, disagi diffusi per la circolazione di metro, autobus e tram: a Roma gli scioperi saranno due, rispettivamente di 24 e 4 ore, indetti dai sindacati di Base e dal Sul, sulla rete Atac e le linee periferiche Roma Tpl. Attive sia a Roma sia a Milano le fasce di garanzia: servizio regolare fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20 a Roma; a Milano Atm garantisce il servizio fino alle alle 8.45 e dalle 15 alle 18.