Gerusalemme, gerusalemme capitale, trump gerusalemme

Nuove ombre sulla famiglia Trump nell’ambito dell’inchiesta sul Russiagate. Due settimane dopo la nomination repubblicana di Donald Trump alla Casa Bianca, il figlio Donald Trump junior, partecipò a un incontro con un’avvocata russa che aveva legami col Cremlino.

A rivelarlo è stato il New York Times. Donald jr ha dichiarato che in quell’occasione i due avrebbero parlato di un programma di adozioni di bambini russi. All’incontro, avvenuto il 9 giugno 2016, partecipò anche l’allora capo della campagna di Trump, Paul Manafort, e il genero, Jared Kushner.

Al centro del colloquio, secondo i diretti interessati, ci sarebbe stato il programma di adozioni di bambini russi, bloccato da Mosca come risposta alla legge Magnitski, una legge americana che sanziona russi sospettati di abusi dei diritti umani.

Natalia Veselnitskaya, l’avvocata russa, è sposata con un ex ministro dei trasporti della regione di Mosca e tra i suoi clienti figurano dirigenti di imprese statali e il figlio di un alto dirigente del governo, la cui società era oggetto di indagine quando è avvenuto l’incontro.