ferrara di monte baldo, intossicazione monossido di carbonio, morti ferrara di monte baldo, verona morti monossido

Versa in condizioni gravissime l’autista di un pullman di linea aggredito e ferito con tre colpi di arma da taglio al torace da un ivoriano 19enne dopo una lite a bordo del mezzo a Monteriggioni (Siena). L’aggressore è stato fermato dai carabinieri che hanno dovuto sparargli un colpo di pistola a una gamba.

L’autista si trova in prognosi riservata. A scatenare la discussione con il conducente sarebbe stato il biglietto della corsa non pagato dal giovane migrante. Chiamati da alcuni passanti, i militari sono stati a loro volta aggrediti dal migrante, che prima avrebbe scagliato contro una damigiana di vetro e poi li avrebbe attaccati con la lama.

Dopo aver esploso alcuni colpi in aria, i carabinieri hanno colpito l’ivoriano sparandogli un colpo a una gamba. Il giovane africano è piantonato all’ospedale Le Scotte di Siena. Il fatto è successo sabato in località Santa Colomba, vicino a Monteriggioni, zona turistica.

Il 19enne risulta essere un migrante con difficoltà legate all’alcol e già noto ai gestori dei programmi di accoglienza e alle forze dell’ordine per le sue intemperanze. Le autorità gli hanno revocato lo status di richiedente asilo ed è in attesa di espulsione dall’Italia.

Nel mesi scorsi la Caritas lo aveva allontanato dalla casa dove era ospitato. A Poggibonsi, inoltre, il 19enne è stato arrestato dalla polizia ferroviaria dopo aver colpito con un pugno un controllore che gli chiedeva il biglietto. Non risulta nessuna radicalizzazione islamica del violento ivoriano.