Stephen Paddock era un 64enne americano, divorziato. Ex contabile, in pensione, ha lavorato per la Lockheed Martin oltre a gestire proprietà immobiliari. E proprio con le case ha realizzato molti utili. Tanto che aveva diverse proprietà sparse in diversi Stati dell’America del Nord.

Dal 2013 era proprietario di una casa monofamiliare pagata 370 mila dollari in un complesso residenziale per over 55 a Mesquite, meno di cento chilometri a nord di Las Vegas, e qui abitava dal giugno del 2016. In precedenza aveva vissuto anche in Texas, California e Florida.

Giocava spesso ai casinò e amava soggiornare in albergo. Il padre di Stephen, Benjamin Hoskins Paddock era un “rapinatore seriale” di banche, che è stato per anni nella lista dei più ricercati dall’Fbi dopo essere fuggito da un carcere federale del Texas dove stava scontando una condanna di venti anni. L’uomo era stato diagnosticato come uno “psicopatico” con “tendenze suicide”.