bambini morti Siria, bambini morti Siria 2016, dati Unicef bambini, dati Unicef bimbi morti, dati vittime 2016 Siria, unicef

L’ex roccaforte dell’Isis Raqqa, nel nord della Siria, sta per essere liberata. Alcuni foreign fighter hanno infatti cominciato a lasciare la città, in base a un accordo che prevede la loro evacuazione.

Le forze siriane a maggioranza curda sostenute dagli Usa e la Coalizione internazionale a guida americana affermano stamane che è in corso la “battaglia finale” per strappare all’Isis la città di Raqqa, considerata la ‘capitale’ dello Stato islamico in Siria. L’operazione potrebbe tuttavia richiedere ancora ore o giorni.

 

Omar Alloush, membro anziano del Consiglio civile di Raqqa, ha dichiarato che “una parte degli stranieri è partita”, e si avvicina, dunque, il momento della caduta definitiva della resistenza jihadista di fronte all’offensiva delle forze democratiche siriane.

Con la caduta di Raqqa, nelle mani dell’Isis non rimane che una parte della provincia orientale siriana Deir Ezzur, dove le forze del regime di Damasco sostenute dall’aviazione russa sono riuscite a spingere sempre più i jihadisti verso le aree desertiche ad est del capoluogo a ridosso della frontiera irachena.