Grande prova di generosità quella di Novak Djokovic. Il tennista 30enne aprirà in Serbia un ristorante per i più bisognosi.  “Il denaro non è un problema per me – ha dichiarato riconoscente in un comunicato Djokovic -. Ho guadagnato abbastanza per sfamare tutta la Serbia, penso che meritino questo dopo tutto il sostegno che mi stanno dando”.

L’ex campione del mondo infatti è ricordato per avere ricevuto nel 2015 il montepremi più alto di sempre in una sola stagione pari a 20 milioni di dollari. Djokovic con l’inaugurazione di questo ristorante arriva a quota 3 dopo Novak aperto a Belgrado nel 2009 accanto al palazzetto dello sport ed Equità, ristorante con specialità vegane aperto nel 2016 a Montecarlo dove vive con la famiglia.

“Grazie alla mia famiglia, ho sempre amato il cibo. Ma come atleta è diventato qualcosa di più, rappresenta il carburante che determina il modo in cui gioco, come recupero e come sto in campo. – ha continuato Djokovic – Attribuisco molto del mio successo professionale alla mia dieta. Il cibo è la mia passione. È la cosa che più mi ha cambiato nella vita. Il mio desiderio è quello di condividere l’impatto che ha avuto su di me col mondo”

Questo nuovo ristorante però sarà diverso dai precedenti. Nel nuovo locale infatti saranno offerti gratuitamente i pasti ai più poveri. Non è ben chiaro se gli speciali clienti dovranno dimostrare di avere un reddito basso o insufficiente ma è certo che il ristorante sarà aperto soltanto di sera e che non verrà richiesto alcun pagamento in cambio del servizio offerto.

Numero 1 sul campo, numero 1 di solidarietà.