La festa del cinema di Roma è giunta al suo terzo giorno. Dopo il red carpet in cui a conquistare le attenzioni sono stati sicuramente Rosamund Pike in Dior e Christoph Waltz, il film a dare inizio alla festa è stato Hostiles di Scott Cooper, proiettato alla presenza del capo dello Stato Mattarella. Grande successo per il western di Cooper, un film crudo e intenso con la Pike,nei panni di Rosalee Quaid, donna forte e coraggiosa che prende atto della violenza insita nell’animo umano.

LEGGI ANCHE: Festa del Cinema di Roma: al via la dodicesima edizione

Nel secondo giorno è stato il turno de Una questione privata dei fratelli Vittorio e Paolo Taviani. Una questione privata è la rivisitazione dell’omonimo romanzo di Beppe Fenoglio, pubblicato postumo. Il film, interpretato da Luca Marinelli, Lorenzo Richelmy e Valentina Bellè (che stiamo vedendo sul piccolo schermo con Sirene. Leggi anche: “Sirene” la fiction fantasy all’italiana), racconta di un triangolo amoroso sullo sfondo del periodo fascista. Portare Fenoglio sul grande schermo era priorità assoluta per i fratelli Taviani, in un momento storico in cui fuochi di estrema destra si ostinano a riaccendersi.

festa-del-cinema-di-roma-una-questione-privata (FILEminimizer)

“Una questione privata”

Ad attirare le attenzioni maggiori sul red carpet di ieri è stato l’enfant prodige Xavier Dolan. Per niente a disagio davanti alle richieste di selfie dei fan, il regista e attore canadese con un nuovo look platinato ha incontrato il pubblico nella sala Sinopoli dell’Auditorium. Classe ’89, ha ripercorso le tappe principali della sua carriera breve ma ricca. 7 i film da regista che si concentrano sull’amore madre/figlio come Mommy e  J’ai tué ma mère e il videoclip Hello di Adele, ha raccontato delle pellicole che l’hanno ispirato. Dopo Lezioni di piano di Jane Campion a Mamma ho perso l’aereo di Chris Columbus, è stato Titanic a cambiargli la vita.