attentato New York, attentato Usa, auto new york, auto pista ciclabile, morti attentato New York, New York, Usa

Torna il terrore a New York (Usa) dove un’auto è piombata su una pista ciclabile a New York investendo alcune persone. Il bilancio è di almeno 8 morti e 12 persone gravemente ferite. L’investitore, il 29enne Sayfullo Habibullaevic Saipovm, è sceso dal mezzo con in mano una sparachiodi e una pistola ad arma compressa urlando “Allah akbar”.

Scenario della tragedia è Tribeca, nel sud di Manhattan, vicino a Ground Zero. L’ uomo ha sparato da un’auto davanti alla Peter Stuyvesant High School. L’incidente inizialmente non era ritenuto legato al terrorismo, ma successivamente lo scenario è cambiato: “Non c’è nessuna rivendicazione dell’attacco a New York – ha detto Rita Katz, direttrice del Site, il sito di monitoraggio dell’estremismo islamico sul web -, ma le modalità, come l’uso di un mezzo, sono in linea con le linee guida dell’Isis”.

Vicino al furgoncino bianco usato dal killer sono stati rinvenuti appunti scritti a mano in arabo che indicano lealtà all’Isis. In un biglietto, in particolare, Sayfullo Saipov avrebbe spiegato di aver agito per lo Stato islamico. Anche il sindaco della Grande Mela, Bill de Blasio, ha parlato di un atto “particolarmente codardo che aveva come obiettivo civili innocenti”. Parlando in una conferenza stampa De Blasio ha invitato ad essere “vigili”, ricordando l’imminente notte di Halloween, festeggiata in vari modi in tutti gli Usa.

Cinque delle vittime erano della città di Rosario e facevano parte di “un gruppo di amici”. Lo rende noto il ministero degli esteri a Buenos Aires.:”I cinque connazionali facevano parte di un gruppo di amici che celebravano il 30/o anniversario del titolo ottenuto presso un istituto politecnico”, ha sottolineato la nota.

“Il governo manifesta le proprie condoglianze per la morte di Hernan Diego Mendoza, Diego Enrique Angelini, Alejandro Damian Pagnucco, Ariel Erlij e Hernan Ferruchi a causa del drammatico attentato terrorista a New York. Martin Ludovico Marro è rimasto ferito ed è stato ricoverato presso il Presbiterian Hospital di Manhattan. ma non è in pericolo di vita”. Tra le vittime ci sarebbe anche una cittadina belga.

Secondo fonti consolari italiane, le autorità italiane di New York stanno raccogliendo informazioni. “Italia abbraccia #NewYork colpita dall’attentato. Vicini alle famiglie e alle autorità americane contro il terrore“, ha twittato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Le foto e i video diffusi sui social media e dalle tv mostrano alcune biciclette a terra con attaccato al cestino il logo di un agenzia di noleggio di New York. Il presidente americano Donald Trump è stato informato dell’incidente e ha commentato l’accaduto su Twitter. “Un altro attacco da parte di una persona malata e folle” ha scritto.

L’attentatore di New York sarebbe di nazionalità uzbeka e sarebbe arrivato negli Stati Uniti nel 2010. Il ragazzo, 29 anni, vive a Tampa, in Florida. Lo riporta Nbc. Una ghiotta occasione per Trump per ribadire la sua stretta sull’immigrazione: “Le forze dell’ordine stanno seguendo il caso da vicino. NON NEGLI USA!. Non possiamo consentire all’Isis di tornare o entrare nel nostro paese dopo averlo sconfitto in Medio Oriente e altrove. Basta!”.