angelo parisi, elezioni sicilia 2017, parisi hater, parisi rosato, regionalisicilia2017, tweet angelo parisi, tweet choc parisi

“Rosato facciamo un patto, se questa legge sarà cassata dalla Consulta, noi ti bruceremo vivo, ok?“. È un vero tweet da “hater” quello del grillino Angelo Parisi, assessore designato ai Rifiuti della Regione Siciliana e finito nelle ultime ore nel tritacarne mediatico della rete.

“Quando sbaglio so riconoscerlo, per questo oggi sento di dover chiedere scusa per il mio tweet dei giorni scorsi rivolto a Ettore Rosato. Quel linguaggio e quei toni non mi appartengono e mi dispiace essere andato oltre i limiti in un momento“, si legge sul profilo Facebook di Angelo Parisi.

Ma l’ingegnere ambientale di Leonforte (Enna) ci tiene a precisare: “Non sono un hater, sono un cittadino che ha a cuore la democrazia e le istituzioni ma non permetto a nessuno di strumentalizzare un mio errore per provare ad accostarmi agli impresentabili che affollano le liste di Nello Musumeci“.

Adesso i suoi tweet sono visibili soltanto ai suoi “follower confermati”, ma la frittata è già stata fatta: “Non sono uno che si impressiona, mai – ha commentato il deputato dem – Neanche quando leggo fiumi di odio contro di noi sui social. Ma la frase ‘Ettore Rosato, noi ti bruceremo vivo’, mi fa male. Per la mia famiglia e per i miei figli, naturalmente. E perché non l’ha scritta uno qualsiasi. Ma un signore a cui il candidato 5 stelle Cancelleri vuole far fare l’assessore ai Rifiuti in caso di vittoria”.

Imbarazzata la difesa di Parisi da parte di Giancarlo Cancelleri: “È incredibile. La notizia del giorno è un tweet infelice del mio candidato assessore Parisi. Ha chiesto scusa ed è giusto chiedere scusa quando si sbaglia. Angelo è una persona che ha le competenze e il curriculum per fare quello che gli ho chiesto di fare: l’assessore all’energia. E lo farà”.