accordo brexit, Brexit, cosa cambia brexit, cosa è brexit, novità brexit, nuovo accordo brexit

Non è stato possibile raggiungere un accordo sulla Brexit tra Ue e Regno Unito, ha dichiarato il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, dopo l’incontro di oggi a Bruxelles.

“Siamo ancora fiduciosi di poter raggiungere progressi ‘significativi’ entro il consiglio Ue del 14-15 dicembre”. “Su un paio di questioni ci sono delle divergenze che richiedono negoziati”, ha aggiunto il primo ministro britannico Theresa May: “Ci riuniremo ancora ed ho fiducia che risolveremo”.

La premier britannica non è riuscita a convincere i leader europei che è giunto il momento di passare allo step successivo nelle trattative per l’addio di Londra. 

La premier britannica ha avuto un appuntamento per una “colazione di lavoro” con il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, occasione per concludere un accordo di principio sulle modalità del divorzio, previsto per marzo 2019. May incontrerà anche il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, secondo Downing Street. 

Il dossier del conto del divorzio sembra ormai definito, ma restano ancora diversi punti caldi da chiarire per quel che riguarda la sorte dei cittadini europei nel Regno Unito e il futuro della frontiera irlandese dopo il divorzio: “Ho chiesto a Theresa May di mettere un’offerta sul tavolo entro il 4 dicembre affinché il prossimo Consiglio europeo possa valutare se ci sono stati progressi sufficienti”, aveva detto venerdì Tusk. Il prossimo Consiglio Ue è fissato per il 15 dicembre a Bruxelles.

Intanto il portoghese Centeno è stato nominato presidente dell’Eurogruppo.