governo M5S, governo M5S forza italia, governo tajani, Tajani, tajani intervista

L’Italia ha fatto di tutto per non rispettare le regole. Anche nel 2013, quando Bruxelles ha concesso la possibilità di sforare il Patto di stabilità per pagare i creditori della Pa, questa opportunità non è stata utilizzata”. Queste le accuse lanciate all’Italia dal presidente del Pe, Antonio Tajani, alla luce  del deferimento dell’Italia alla Corte Ue.

Sono infatti trascorsi quasi 5 anni da quando la Commissione varò la direttiva per sanare il fenomeno dei ritardi dei pagamenti. Tajani, da vicepresidente della Commissione europea e responsabile per l’industria, è stato uno dei sostenitori della direttiva contro i ritardi dei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni. 

Quanto accaduto, secondo Tajani, “dimostra che la flessibilità è stata più che altro un pretesto per non rispettare le regole. L’Italia è tra i peggiori pagatori d’Europa. Ed è intollerabile che uno Stato sia inflessibile, aggressivo ed arrogante nei confronti dei cittadini quando si tratta di pagare le tasse e poi, quando e’ lui che deve pagare, non fa il suo dovere”.

Per il presidente dell’Europarlamento “questo è il modo migliore per legittimare l’evasione, colpire l’occupazione e uccidere tante Pmi che lavorano con le amministrazioni pubbliche. Serve un rapido cambio di rotta – ha concluso Tajani – per dimostrare che le istituzioni pubbliche non sono contro ma al servizio dei cittadini”.