Kevin Durant NBA

A rubare la scena, nella notte in cui i Los Angeles Lakers hanno salutato il mito Kobe Bryant, ritirando le maglie numero 8 e 24, è stato Kevin Durant. L’ala dei Warriors, nel derby californiano, ha messo a referto 36 punti, con tanto di canestro decisivo all’overtime. Vittoriosi anche Rockets e Celtics, rispettivamente contro Utah e Indiana.

Tante le partite decise in volata nella notte, su tutte quella vinta da Boston, che ha recuperato 5 punti negli ultimi 30 secondi di gioco, trovando il successo grazie a una schiacciata di Rozier in contropiede dopo un passaggio sbagliato da Bogdanovic. Anche OKC la spunta solo nel finale, con un tiro libero di Westbrook, mentre il protagonista per Minnesota è stato Jimmy Butler, autore di 37 punti, due dei quali decisivi per il 108-107 finale. 

I risultati della notte

Charlotte Hornets-New York Knicks 109-91

Indiana Pacers-Boston Celtics 111-112

Atlanta Hawks-Miami Heat 110-104

Chicago Bulls-Philadelphia 76ers 117-115

Houston Rockets-Utah Jazz 120-99

Minnesota Timberwolves-Portland Trail Blazers 108-107

Oklahoma City Thunder-Denver Nuggets 95-94

Dallas Mavericks-Phoenix Suns 91-97

San Antonio Spurs-Los Angeles Clippers 109-91

Los Angeles Lakers-Golden State Warriors 114-116 OT