Aggiornato alle: 19:24

Caso Mazzamauro. Brignano: “E’ una fake news e ho un filmato che lo prova”

di Valentina Grasso

» Intrattenimento » Cinema » Caso Mazzamauro. Brignano: “E’ una fake news e ho un filmato che lo prova”

Caso Mazzamauro. Brignano: “E’ una fake news e ho un filmato che lo prova”

| venerdì 22 Dicembre 2017 - 18:58
Caso Mazzamauro. Brignano: “E’ una fake news e ho un filmato che lo prova”

Continua la polemica sulle dichiarazioni di Anna Mazzamauro rilasciate nei giorni scorsi. L’attrice ha raccontato a Il Messaggero di essere stata picchiata sul set di Poveri ma ricchi. La notizia ha rimbalzato sul web e gli utenti hanno iniziato la loro caccia alle streghe. Escludendo Christian De Sica, verso il quale l’attrice italiana ha speso sempre parole positive, le accuse si sono rivolte verso Enrico Brignano.

La replica di Brignano

Se inizialmente il comico ha risposto con un “No comment”, al suo posto ha replicato la compagna Flora Canto con un post sarcastico pubblicato sul suo profilo Instagram.  Ma Brignano non ci sta più e decide di commentare quanto accaduto a Il Fatto Quotidiano. “Da giorni sto vivendo un incubo”, ha esordito stanco Brignano.

“E’ una fake news – è esploso l’attore – Ho subito attacchi mediatici, insulti, insinuazioni odiose, così come mia moglie e mia figlia di 9 mesi”. Ha quindi mostrato il filmato di circa 25 secondi in cui viene mostrata la scena nella quale la famiglia Tucci festeggia la vincita di 100mila euro. A quel punto Brignano alza la mano della Mazzamauro per festeggiare. L’attrice esce dal set per poi fare ritorno e pronunciare la sua battuta ma Brignano le urla “Non adesso” e l’attrice risponde “Non ho capito”. Il video si interrompe.

“Non c’è stata nessuna violenza – ha continuato Brignano -, nessun referto medico, degenze, denuncia ai carabinieri che dimostri questa violenza. Mancano le prove. Una donna senza timpano può continuare a girare il film? Il giorno dopo è tornata sul set. Questo sistema si chiama inquisizione e sta avvenendo in un Paese schizofrenico, dove non si capisce più cosa sia vero e cosa verosimile. Qui si vuole solo la condanna, il sangue”, ha concluso.

 

 

 

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it