Un 15enne è stato fermato dalla polizia a Napoli nell’ambito delle indagini sul ferimento di un17enne, accoltellato lunedì scorso alla gola e ad altre parti del corpo. Il giovane è accusato di tentato omicidio, ma le indagini proseguono per individuare altri tre componenti della baby gang, anche mediante le immagini delle telecamere che hanno ripreso l’aggressione. Decisive pure le testimonianze del ragazzo ferito e di un altro giovane che era stato bloccato poco prima dal gruppo.

Il 15enne fermato, sottolinea comunque il capo della squadra mobile partenopea, Luigi Rinella, “non appartiene a un contesto di clan e i suoi genitori sono incensurati”. Nell’aggressione, il 15enne ha svolto il ruolo di “gancio”, che consiste, spiega Rinella, “nell’avvicinare la vittima di turno, chiedere l’ora per accertare il possesso di telefonini ed altri oggetti di valore” per poi far entrare in azione il resto del gruppo.

 

La giovane vittima, che era stata ricoverata in gravi condizioni e che solo da poco tempo risulta fuori pericolo, ha riferito agli investigatori che quattro ragazzi molto giovani, presumibilmente minorenni, dopo avergli chiesto l’ora ed averlo invitato a seguirli, a fronte del suo rifiuto, lo avevano aggredito.

In particolare, due di loro lo avevano colpito con dei coltelli, mentre gli altri due avevano svolto la funzione di ‘palo’. La violenta azione, durata alcuni secondi, era terminata con la fuga degli aggressori.