Coppa Italia

Ci si aspettava Icardi o Kalinic, alla fine a decidere il derby di Coppa Italia è stato il solito Patrick Cutrone, ormai riedizione in salsa rossonera del “bello di notte” Boniek, sempre a segno nelle serate di coppa. Il giovane centravanti del Milan, subentrato all’infortunato Kalinic, ha infatti firmato la rete in chiusura di primo tempo supplementare che è valsa agli uomini di Gattuso la qualificazione alla semifinale con la Lazio. 

Formazioni competitive quelle messe in campo dai due allenatori, che hanno lasciato poco spazio alle logiche del turnover, in un San Siro da cinquantamila spettatori. In porta, tra i rossoneri, c’è Antonio Donnarumma, a causa dell’infortunio accusato dal più noto Gigio nella giornata di ieri, mentre Spalletti dà spazio a Cancelo e Joao Mario, desiderosi di maggior minutaggio. 

Dopo un avvio di gara equilibrato, la prima grande occasione è per l’Inter, che va in vantaggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La rete, però, viene annullata in seguito all’intervento del VAR, dato che la posizione di Ranocchia, in fuorigioco sulla traiettoria del tiro di Perisic, risulta influente davanti a Donnarumma. Il Milan ci prova con Suso e Bonaventura, senza riuscire a trovare l’1-0. 

Nella ripresa, dopo il cambio forzato di Calabria al posto di Abate, è l’Inter ad avere due importanti palle gol con Joao Mario e Perisic, che chiamano Donnarumma agli straordinari. Sull’altro fronte, è Suso a far tremare la porta di Handanovic, con un sinistro che si stampa sulla traversa. La gara va ai supplementari, e Cutrone, subentrato a Kalinic sul finire dei tempi regolamentari, trova, imbeccato dal fantasista spagnolo, il varco giusto alle spalle della difesa, realizzando il gol qualificazione e aggravando la crisi interista, dopo la terza sconfitta consecutiva. 

MILAN INTER 1 – 0 d.t.s. (0 – 0)

MILAN (4-3-3): A. Donnarumma; Abate (dal 7′ s.t. Calabria), Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Biglia, Locatelli (dal 30′ s.t. Calhanoglu); Suso, Kalinic (dal 30′ s.t. Cutrone), Bonaventura. All.: Gattuso.

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Cancelo, Skriniar, Ranocchia, Nagatomo; Gagliardini (dal 30′ s.t. Brozovic), Vecino; Candreva (dall’11’ p.t.s Eder), Joao Mario (dal 22′ s.t. Valero), Perisic; Icardi. All.: Spalletti.

Arbitro: Guida di Torre Annunziata.