bocciato Defr sicilia, finanziaria sicilia, governo musumeci battuto, musumeci, musumeci bocciato defr, musumeci dimissioni

Nel corso del suo discorso tenuto all’Ars, Musumeci ha auspicato anche una “collaborazione leale con lo Stato, senza sciocco rivendicazionismo e senza irresponsabile atteggiamento remissivo”. “Noi chiediamo la piena attuazione dello statuto autonomo della Sicilia – ha detto Musumeci – L’obiettivo finale è riconsegnare ai siciliani una Regione normale“. 

“Il rapporto tra imprese, politica e burocrazia è stato sempre più difficile e controverso nell’ultimo decennio”, ha spiegato Musumeci. “Bisogna ripensare alla sorte dell’Irfis venuta meno alla propria funzione istituzionale, ma anche alla sorte dell’Ircac e della Crias e ipotizzare, perché no, una sola struttura per il credito alle piccole e medie imprese”.

Quanto alle Province “bisogna attribuire maggiori competenze, altro che smantellarle”. Per Musumeci è necessaria l’elezione diretta degli organismi degli attuali Liberi consorzi e delle tre città metropolitane (Palermo, Messina e Catania). “Serve una riforma degli enti intermedi”, dichiara il governatore. 

“La lotta all’abusivismo non è uno slogan da campagna elettorale, ma non esiste l’abusivismo di necessità: esiste l’abusivismo – continua Musumeci – Sarebbe però da sprovveduti dire che tutte le case abusive vanno abbattute, bisogna verificare caso per caso senza legittimare un abusivismo di serie A e un abusivismo di serie B”.

Tutto però passa da una buona tenuta della maggioranza: “Questa coalizione di centrodestra è ben consapevole dei propri limitati numeri in aula per una legge elettorale che va cambiata e anche presto. Il governo non cerca in questa Assemblea supporti numerici clandestini, confidiamo di trovare nelle opposizioni convergenze programmatiche alla luce del sole”.