atomica corea del nord, corea del nord, pace coree, razzi in corea, Seul contro Pyongyang, vertice Corea, vertice Kim Yong un

Proseguono le prove tecniche di disgelo tra le due Coree. Il presidente sudcoreano Moon Jae-in si è detto “aperto a un incontro con il leader nordcoreano Kim Jong-un, qualora si creino le giuste condizioni”, ma Seul “non ha alcun piano per allentare le sanzioni a Pyongyang in violazione degli impegni internazionali” previsti dalle risoluzioni dell’Onu.

Insomma, la Corea del Sud non vuole l’immediata riunificazione della penisola, ma una “pace solida” e la denuclearizzazione. Nonostante la svolta sulla partecipazione di Pyongyang alle Olimpiadi invernali di PyeongChang, il governo sudcoreano ha però ribadito “che a nuove provocazioni seguiranno nuove sanzioni”.

A febbraio il Nord invierà una delegazione composta da atleti, funzionari di primissimo livello, cheerleader, artisti e giornalist. Ma, come previsto, le divisioni sul tema del nucleare restano evidentissime. Ri Son-gwon, a capo della delegazione di Pyongyang, ha espresso disappunto sull’ipotesi di discussione e menzione del tema nella dichiarazione finale.

“In caso di insistenza, ci sarebbero state ripercussioni sulle relazioni bilaterali”, ha spiegato Ri Son-gwon. Dopo l’incontro fiume durato 11 ore, Ri ha puntualizzato che testate atomiche e missili balistici intercontinentali hanno come target gli Stati Uniti e non Paesi come Corea del Sud, Cina e Russia.