Steph Curry Warriors

Sembra non avere fine la crisi per i Cleveland Cavaliers. LeBron e compagni, in vantaggio di 22 punti nella sfida contro Indiana, hanno subito la rimonta dei Pacers, trascinati da un vecchio nemico di King James, Lance “Born Ready” Stephenson, una spina nel fianco della difesa dei Cavs durante tutto il terzo quarto. Sul 97-99, a un secondo e mezzo dalla fine, James ha avuto il disperato tiro della vittoria, ma la sua conclusione da tre si è infranta sul primo ferro, spegnendo le speranze dei suoi, all’ottava sconfitta nelle ultime undici partite.

Nella Western Conference, invece, continuano la loro marcia a ritmo serrato Golden State Warriors e Houston Rockets, che si contenderanno la prima posizione fino alla fine. Lanciatissimi anche i Minnesota Timberwolves, che dopo un inizio di stagione balbettante sembrano aver trovato la giusta quadratura. 

I risultati della notte

Charlotte Hornets-Utah Jazz 99-88

Indiana Pacers-Cleveland Cavaliers 99-97

Washington Wizards-Sacramento Kings 125-119

Atlanta Hawks-Brooklyn Nets 105-110

Milwaukee Bucks-Golden State Warriors 94-108

Minnesota Timberwolves-New York Knicks 118-108

New Orleans Pelicans-Portland Trail Blazers 119-113

Denver Nuggets-Memphis Grizzlies 87-78

Phoenix Suns-Houston Rockets 95-112