La questura di Piacenza indaga sui due organizzatori della manifestazione di sabato degenerata in scontri fra gli antagonisti e le forze dell’ordine. Si contano poi altri 9 indagati, giovani provenienti da varie città e accusati a vario titolo di rapina, lesioni aggravate in concorso, resistenza, minacce e violenza a pubblico ufficiale.

I due attivisti, indagati a piede libero, dovranno rispondere dei reati di istigazione a delinquere e della violazione dell’articolo 18 del Testo unico delle leggi di Pubblica sicurezza, cioè mancata osservanza delle prescrizioni.

Non saranno invece loro a dover fare i conti con l’accusa di lesioni a danni del carabiniere accerchiato e picchiato durante il corteo. I suoi aggressori sono stati individuati grazie alle indagini congiunte di Digos della questura e nucleo informativo dei carabinieri.

Il militare aggredito, in forza al 5° reggimento Emilia-Romagna, ha subito una frattura scomposta della spalla

Foto da Twitter.