Folco Quilici, morto Folco Quilici, chi era Folco Quilici
Folco Quilici

Folco Quilici, indimenticato e indimenticabile documentarista italiano, si è spento in ospedale all’età di 87 anni. La notizia della morte di Quilici è stata confermata anche dal sindaco di Orvieto Giuseppe Germani. Nato a Ferrara il 9 aprile del 1930 dopo aver iniziato un’attività cineamatoriale, Quilici si è specializzato in riprese subacquee.

Nel 1954 immerse la telecamera nei mari dell’emisfero australe per “Sesto continente”. Vinse l’Orso d’Argento a Berlino con “Ultimo Paradiso” e presentò alla Mostra del Cinema di Veneziaq “Paul Gaugin” nel a 1957. Nel 1971 uno dei suoi documentari della serie L’Italia vista dal cielo, “Toscana”, gli vale una candidatura agli Oscar. Con “Oceano” si aggiudica il Davide di Donatello.

Folco Quilici, un grande amante del mare

Il suo luogo del cuore erano le isole di “Pontinesia“, Ponza, Palmarola e Ventotene, ribattezzate così da lui negli anni 70, “un autentico paradiso terrestre, tra fondali di acqua cristallina, una straordinaria ricchezza di fauna e flora sottomarine, rocce multicolori, piccole baie e spiagge incantevoli, oltre a una posizione strategica vicina a due grandi città, Napoli e Roma”.

“Con Folco Quilici se ne va una delle figure più importanti del giornalismo, del documentarismo e della cultura italiana. Un pioniere in tutti i progetti che ha avviato, sempre anni avanti rispetto agli altri, un italiano innamorato del proprio paese e un ferrarese innamorato della propria terra in cui era l’erede della grande tradizione giornalistica del padre Nello”, ha detto il ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini. 

“Ci mancherà – conclude Franceschini – ma i suoi lavori resteranno per sempre come guida e insegnamento per le giovani generazioni”.