commissione antimafia, elezioni comunali, impresentabili commissione antimafia, impresentabili elezioni comunali, impresentabili elezioni comunali 2016, legge severino, rosy bindi

Tra una settimana esatta gli italiani sono chiamati alle urne. Il dibattito tra i vari leader dei partiti è sempre più acceso e mai come questa volta le sfide non sono soltanto tra le varie coalizioni ma all’interno delle stesse. Nel centrodestra è scontro sul possibile futuro premier ed è ‘guerra’ di numeri soprattutto tra Forza Italia e Lega. Silvio Berlusconi, rilancia il primato azzurro sugli alleati, Matteo Salvini rivendica di essere il primo partito della coalizione e la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni si candida a essere il primo premier donna della storia della Repubblica.

Elezioni, come si vota

Il M5s deve fare i conti con gli impresentabili. Ultimi, in ordine di tempo: Antonio Tasso, in corsa all’uninominale di Cerignola-Manfredonia condannato in primo grado nel 2008 per contraffazione di diritto d’autore e Salvatore Caiata, patron del Potenza Calcio, indagato a Siena per riciclaggio e candidato con il M5S per la Camera nel collegio uninominale di Potenza-Lauria.

Elezioni, tutti i candidati

Il centrosinistra è già spaccato da tempo con chi appoggia Renzi e Gentiloni da un lato, e chi si è voluto staccare per allearsi con il neo movimento di Grasso.

Acque agitate ovunque, dunque, e momenti di tensione che, sicuramente, avranno ricadute anche sul futuro governo. A sette giorni dalle elezioni, tanta incertezza tra i vari leader. Alle urne il responso che, ci si augura, cambierà in meglio l’Italia.