Shining“, “Arancia Meccanica“, “Full Metal Jacket” sono alcuni dei capolavori di Stanley Kubrick. Film che hanno fatto la storia del cinema americano, così come alcuni dei cimeli più rappresentativi, i quali saranno venduti da Aste Bolaffi il 27 marzo a Torino.

Kubrick: memorabilia in vendita

Appartenenti alla collezione di Emilio D’Alessandro, i memorabilia del repertorio cinematografico di Stanley Kubrick saranno messi all’asta il 27 marzo da Aste Bolaffi di Torino. Evento che giunge in concomitanza con il 19esimo anniversario della scomparsa del regista, morto il 7 marzo 1999.

Emilio D’Alessandro fu l’assistente di Kubrick dal 1971 al 1991, col quale instaurò un rapporto molto profondo, com’è testimoniato dagli omaggi che il cineasta gli rese in “Eyes Wide Shut“, facendolo recitare e intitolando col suo nome un bar frequentato dal medico interpretato da Tom Cruise. Oggetti come lo stendardo recante la scritta”Caffè da Emilio” e uno dei cappotti, nonché l’orologio indossati da Cruise saranno venduti.

Altro cult di Kubrick è “Shining“. Tra i reperti cinematografici più importanti rientrano la giacca in velluto bordeaux indossato da Jack Torrance, interpretato da Jack Nicholson, i sette portachiavi colorati coi numeri fittizi delle stanze e due tappeti del Colorado Lounge. Rappresenta una rarità il frammento della pellicola originale con la scena di Wendy che porta in braccio il figlio Danny.

Rientrano nella collezione di D’Alessandro uno dei capelli del sergente Hartman, la giacca militare verde usata da Kubrick sul set di “Full Metal Jacket”, ma soprattutto un vinile con la colonna sonora originale del film composta dalla figlia di Kubrick e la dedica del regista “To Emilio with Love, S. Kubrick”.

Da non dimenticare gli oggetti caratteristici del film di “Arancia Meccanica”, come un cappello a tricorno disegnato per “Barry Lyndon” da Milena Canonero, un raccoglitore a soffietto contenente gli script del film suddivisi per scene.

Un biglietto conclusivo scritto da Kubrick racchiude la vasta raccolta di oggetti di D’Alessandro: “This is the last mail pickup. I am very sad”, firmato “S”.