case vacanza abusive, controlli guardia di finanza estate 2018, venditori abusivi,

 dal nucleo di polizia economica e finanziaria di Palermo. Sono stati accertati “i rapporti di connivenza intrattenuti – nell’arco di un ventennio – tra l’imprenditore ed esponenti di spicco di Cosa Nostra agrigentina“.

L’imprenditore e i rapporti con la mafia 

L’operazione, denominata in codice “Valle dei Templi” dal nome dell’autodromo omonimo, ha portato al sequestro di società, aziende, immobili, auto, conti correnti e perfino dello stesso impianto sportivo che sorge a Racalmuto, paese d’origine dell’imprenditore.

Nel 2016, Calogero Romano era stato condannato dal Tribunale di Agrigento a sei anni e sei mesi di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, per aver contribuito “al rafforzamento di Cosa Nostra, pur non facendone parte”, fino a quando il suo principale punto di riferimento, il mafioso Ignazio Gagliardo, non cominciò a collaborare con la giustizia.

L’imprenditore a partire dal 1992 avrebbe beneficiato dell’appoggio e della protezione di esponenti della famiglia di Racalmuto (Ag), al fine di ottenere vantaggi per le proprie imprese, nel settore edilizio e nel mercato del calcestruzzo.