Dovizioso Ducati Honda

Se è vero che chi ben comincia è a metà dell’opera, questo 2018 sarà un grande anno per Andrea Dovizioso. Nel primo GP stagionale in Qatar, il forlivese si è messo alle spalle il campione del mondo in carica Marc Marquez, portandosi a casa il successo. Chiude il podio Valentino Rossi, eterno anche a trentanove anni. 

In partenza Johann Zarco, forte della pole position ottenuta ieri, non si fa sorprendere dagli assalti degli avversari, e mette in riga Marquez, Pedrosa e Rossi, i più pronti allo scattare del semaforo verde, mentre Andrea Dovizioso non riesce a recuperare rispetto al quinto posto di partenza. 

Il Dottore infila i due spagnoli, mettendosi a tallonare la Yamaha satellite di Zarco e facendosi vedere pericolosamente negli specchietti retrovisori, subendo però il controsorpasso di Marquez nel tentativo di prendersi la testa della corsa. Dovi risale, e anche lui riesce a mettersi alle spalle Valentino a dodici giri dal termine, con un sorpasso magistrale.

Da lì, il forlivese rinnova con il catalano il duello che lo scorso anno ha deciso il mondiale, mentre alle loro spalle Crutchlow rientra su Rossi e davanti Zarco prova ad allungare rispetto al gruppetto degli inseguitori. A dieci giri dalla bandiera a scacchi, escono di scena sia Rins che Lorenzo, protagonista di un weekend da dimenticare. 

Il motore della Ducati, però, consente a Dovizioso, con un rettilineo poderoso, di portarsi in testa all’inizio della quintultima tornata, infilando, al pari di Marquez e Rossi, Zarco, penalizzato dall’uscita dalla staccata. Dovi prova ad andare in fuga con un ritmo martellante, che il numero 46 non riesce a mantenere, staccandosi leggermente rispetto ai due primi della classe. 

All’ultimo giro, Marquez si porta sempre più vicino, tentando l’assalto all’ultima curva ma subendo il controsorpasso di Dovizioso, che lo incrocia all’interno, per il primo successo stagionale. Dodicesimo al traguardo Morbidelli, al debutto nella classe regina dopo il titolo mondiale in Moto 2.