Cozze vive contaminate in arrivo dalla Spagna. Questo è l’allarme lanciato dal Rasff, il sistema di allerta europeo rapido per la sicurezza alimentare, che ha riscontrato la presenza del batterio Escherichia Coli nelle cozze vive.

L’allarme cozze contaminate dal batterio è stato diramato su scala nazionale, poiché sarebbero state immesse sull’intero mercato italiano. L’Escherichia Coli è un batterio presente in acque inquinate dalle feci che attacca l’apparato digerente provocando nausea, crampi addominali, diarrea e vomito.

Spagna, disposto il ritiro dal mercato italiano delle cozze contaminate

L’allarme cozze contaminate da Escherichia Coli risale al 16 marzo, sebbene risultino sconosciuti i dati relativi ai lotti con le cozze vive. Di conseguenza è stato disposto il ritiro dei molluschi contaminati dal mercato italiano, al fine di tutelare la salute dei consumatori.

Inoltre il Sistema di allerta invita tutti a prestare la massima attenzione e a non consumare le cozze vive senza prima sottoporle al controllo dal Servizio igiene degli alimenti e nutrizione della Asl locale. Giovanni D’Agata, presidente dello ‘Sportello dei Diritti’, ha spiegato che “il consumo dei molluschi bivalvi è considerato uno dei principali responsabili di trasmissione all’uomo di diverse malattie d’origine batterica e virale nonché intossicazioni da enterobatteri. Pertanto, invita chiunque avesse acquistato questo prodotto a consumarlo ben cotto evitando il consumo di prodotti crudi”.