Djokovic Stepanek Agassi coach

Neanche il tempo di mandare in archivio il torneo di Indian Wells che già il circus del tennis si sposta dal deserto della California alla baia di Key Biscane, per il Masters 1000/WTA Premier di Miami. Nel tabellone maschile, Roger Federer, deluso dalla finale persa con del Potro domenica, è chiamato a difendere la posizione numero 1 del ranking ATP, e per farlo dovrà vincere almeno tre partite (e il sorteggio, in tal senso, sembra essere dalla sua parte). 

In cerca di riscatto anche Novak Djokovic, rientrato forse eccessivamente in anticipo a Indian Wells ed eliminato al secondo turno dal giapponese Taro Daniel. Il serbo, al contrario, si trova davanti un quarto di tabellone molto impegnativo, con la possibilità di incrociare presto nel torneo sia Nishikori che del Potro. 

Per quanto riguarda gli italiani in campo, Fabio Fognini, semifinalista lo scorso anno, esordirà al secondo turno (è testa di serie numero 15) contro il vincitore della sfida tra Kuhn e King, rispettivamente wild card e qualificato, potenziali avversari ampiamente alla sua portata. Thomas Fabbiano, invece, se la vedrà con Basilashvili, che lo ha battuto nelle due sfide disputate sul cemento in carriera. 

Nel torneo femminile, invece, ci si prepara alle solite sorprese, dopo un Premier di Indian Wells che ha visto arrivare in finale due possibili dominatrici del futuro come Naomi Osaka e Daria Kasatkina, chiamate adesso a confermarsi. Il lotto delle favorite, come di consueto, è piuttosto ampio: da Simona Halep, stabile in vetta al ranking WTA, fino a Kerber, Svitolina e Muguruza. 

Per Camila Giorgi, unica italiana in tabellone dopo le eliminazioni di Vinci ed Errani nelle qualificazioni, un primo turno accessibile contro Donna Vekic, per poi sfidare Elena Vesnina, testa di serie numero 24 del torneo.