Aggiornato alle: 08:04

Vincevano appalti e riciclavano i soldi, 5 arresti

di Redazione

» Cronaca » Vincevano appalti e riciclavano i soldi, 5 arresti

Vincevano appalti e riciclavano i soldi, 5 arresti

| lunedì 26 Marzo 2018 - 09:42
Vincevano appalti e riciclavano i soldi, 5 arresti

Vincevano gli appalti, incassavano i soldi senza mai eseguire i lavori e poi riciclavano i proventi in aziende toscane e campane. È questo il business criminale scoperto dalla Guardia di Finanza di Lucca che ha arrestato 5 persone ritenute organiche a un’organizzazione contigua al clan dei Casalesi.

Appalti e riciclaggio, il business dei Casalesi

Contestualmente agli arresti, gli uomini delle Fiamme Gialle hanno effettuato una cinquantina di perquisizioni e sequestri di beni tra la Toscana e la Campania nei confronti di imprenditori contigui a clan camorristici, aziende, prestanomi e anche un funzionario pubblico. L’inchiesta toscana, coordinata dalla procura nazionale Antimafia e Antiterrorismo, è strettamente collegata ad un’indagine della Dda di Napoli. 

Appalti, le accuse agli indagati 

C’è anche un dirigente della Asl 3 di Napoli Sud, oltre a 4 imprenditori edili di Lucca e Caserta tra le persone coinvolte nell’inchiesta. Per la Gdf, grazie ad “accordi di cartello” il sodalizio, basato in provincia di Lucca, si sarebbe aggiudicato oltre 50 commesse della Asl 3 di Napoli sud, per lavori di somma urgenza e “cottimi fiduciari”.

Lavori che, “pur risultando falsamente attestati come avvenuti, di fatto in gran parte non venivano eseguiti”. “A tale scopo – si spiega – il sodalizio stabiliva consolidati rapporti corruttivi” col funzionario della Asl, il quale non solo aggiudicava l’appalto in violazione delle norme di trasparenza, correttezza e imparzialità, ma consentiva al gruppo “di conseguirne il pagamento pur in assenza di qualsivoglia esecuzione dei lavori”. In questo modo lo stesso sodalizio negli ultimi anni sarebbe riuscito “a incamerare illecitamente e a costo zero appalti per oltre 6 milioni di euro che venivano riciclati nello svolgimento delle attivitò immobiliari” dello stesso gruppo.

Il dominio della fazione Zagaria

Potevano considerarsi ‘a disposizione del clan‘” dei Casalesi ‘fazione Michele Zagaria‘ i tre imprenditori edili coinvolti nell’inchiesta. Avrebbero anche consentito al clan, “tramite un imprenditore campano considerato ‘a libro paga’ della famiglia Zagaria, di aggiudicarsi diversi appalti della Asl 3 di Torre Annunziata (Napoli)”. A spiegarlo, in una nota, la guardia di finanza di Lucca.

Le fiamme gialle, rilevano come la stessa cosca sia “notoriamente radicata nel Casertano (Casapesenna, San Cipriano D’Aversa, Trentola Ducenta, San Marcellino) e con ramificazioni in Toscana, nel Lazio e in Emilia Romagna, da sempre caratterizzata per il suo particolare attivismo nel mondo imprenditoriale e nel settore degli appalti pubblici”.

Le indagini, si spiega ancora, sono state condotte sotto “l’egida” della procura nazionale antimafia e in stretto collegamento investigativo con la Dda di Napoli e la procura di Napoli Nord che, “nell’ambito di un distinto contesto di indagini, sta oggi procedendo, con la guardia di finanza di Aversa, all’esecuzione di 34 misure cautelari personali”.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it