Europa, Parlamento Europeo, Frontex, Fabrice Leggeri, allerta terrorismo per flusso migranti, flussi fantasma di migranti da algeria e tunisia, preoccupazione terrorismo, per sicurezza europea

L’allerta terrorismo rimane attivo: il direttore esecutivo di Frontex, Fabrice Leggeri, si esprime così di fronte al Parlamento europeo. “Dobbiamo essere certi che non vi siano attraversamenti delle frontiere dell’Ue non intercettati, perché questo va a scapito della sicurezza europea”, dichiara. La preoccupazione deriva dalla presenza di flussi fantasma provenienti da Algeria e Tunisia.

Frontex, minaccia terrorismo alta per flussi incontrollati di migranti

Parlando dell’operazione Themis al Parlamento Europeo, Fabrice Leggeri ha spiegato che i velivoli di Frontex hanno rilevato alcuni flussi non controllati di migranti provenienti da Algeria e Tunisia, che destano preoccupazioni per la sicurezza europea. “Non ci aspettiamo un aumento degli arrivi di migranti dalla Libia – continua Leggeri -, almeno non per il momento” ma si continua a lavorare sul controllo delle ondate migratorie.

Sono soprattutto eritrei i migranti sbarcati ultimamente, seguiti da tunisini, nigeriani, pachistani, libici e ivoriani. “Dal primo gennaio ad ora – spiega Leggeri – sono stati 6000 i migranti illegali intercettati sulla rotta del Mediterraneo centrale, il 62% in meno rispetto allo stesso periodo del 2017. Ma solo il 71% di questi è partito dalla Libia, rispetto al 95% del 2017, perché nel 2018 il 20% delle partenze dei migranti è avvenuto dalla Tunisia”.